L’Istituto per l’Ambiente Marino Costiero (IAMC) del CNR di Capo Granitola conduce progetti di ricerca nazionali ed internazionali finalizzati allo studio del funzionamento degli ecosistemi marini, con particolare riferimento alle interazioni tra variabili ambientali e risorse rinnovabili del mare, per un loro sfruttamento razionale e sostenibile.

L’istituto è ospitato all’interno di una ex Tonnara ristrutturata e nel 2008 Scubla ha ricevuto l’incarico per realizzare un impianto di acquacoltura sperimentale per la ricerca e lo studio delle risorse biologiche del mare con l’obiettivo di:

  • Gestire le risorse ittiche;
  • Favorirne l’incremento;
  • Studiarne le fluttuazioni;
  • Sviluppare software e GIS;
  • Gestire la fascia costiera;
  • Favorire il trasferimento alle imprese di tecnologie scientifiche ed elettro-acustiche impiegate nelle attività di pesca.

Nell’impianto che abbiamo costruito per il CNR di Capo Granitola l’attività di ricerca si integra con l’innovazione tecnologica, per studiare la possibilità di produrre sostanze attive per la salute e per l’alimentazione umana, e noi abbiamo fornito e installato le seguenti attrezzature principali:

  • stazione di pompaggio per acqua marina
  • impianti elettrici e idraulici
  • pompe sommerse e pompe autoadescanti
  • impianti di filtrazione
  • impianti per la produzione di microalghe e di zooplancton
  • sterilizzatori a ultravioletti e ozonizzatori
  • turbosoffianti e diffusori d’aria
  • schiumatoi con Venturi
  • misuratori di portata
  • vasche in vetroresina
  • impianti di monitoraggio
  • strumentazione da laboratorio
  • impianti per la produzione di fitoplancton, artemia, rotiferi, dafnie, zooplancton.