Anno 2008 Impianto a ricircolo di acqua marina, per ricerche farmacologiche

Presso il Centro Sperimentale Regionale per la Pesca ed Acquacoltura di Termoli, di nuova costruzione, Scubla ha realizzato un impianto pilota per la produzione di specie ittiche innovative, fornendo altresì una ampia dotazione di attrezzature di laboratorio.

L’impianto può funzionare secondo tre modalità: a circuito aperto, parziale, oppure a ricircolo.

E’ dotato di vasche in vetroresina, acquari,  impianti di filtrazione meccanica e biologica LSB Low Space Bioreactor, schiumatoio di proteine, pompa di calore con scambiatore  in titanio, filtri a diatomee, sterilizzazione a ultravioletti, monitoraggio.

Un settore provvede alla produzione di fito, zooplankton e artemia, mentre un altro settore è specifico per l’allevamento larvale di pesci, molluschi e crostacei.

Grazie anche alla nostra realizzazione il Centro può operare nel settore della sanità delle specie ittiche, dell’igiene degli alimenti di origine ittica, nella tutela degli ecosistemi di acqua dolce e marina, attraverso attività di ricerca, laboratorio, diagnosi, assistenza tecnica e consulenza ai portatori d’interesse.

Nello specifico sono svolte attività relative a:

  • Monitoraggio della qualità delle acque costiere destinate alla vita dei molluschi, delle zone di produzione di bivalvi, in attuazione delle normative nazionali e comunitarie vigenti.
  • Messa a punto e applicazione di biotest per la valutazione ecotossicologica delle acque e dei sedimenti. Sono allestiti, nello specifico, saggi che utilizzano batteri, alghe, molluschi, crostacei e pesci. Sono inoltre sviluppati e applicati sistemi biologici di preallarme per il biomonitoraggio in continuo delle acque dolci e marine.
  • Messa a punto e applicazione di tecniche di riproduzione controllata e primo allevamento di specie ittiche innovative per la diversificazione della produzione ed il ripopolamento attivo delle acque costiere.
  • Valutazione delle risorse disponibili di molluschi veneridi, in particolare della Chamelea gallina, attraverso esami biometrici al fine di disporre dei dati necessari per la definizione e la realizzazione dei piani di tutela e gestione da parte dei Co.Ge.Vo.
  • Creazione di sinergie con altre strutture scientifiche, sia nazionali che transfrontaliere, operanti nell’EuroRegione Adriatica, su tematiche comuni di ricerca per lo sviluppo economico e scientifico del settore pesca e per la tutela ambientale.
  • Supporto tecnico alle Amministrazioni Provinciali per le attività di ripopolamento della fauna ittica dei corpi idrici regionali in aree particolarmente vocate.
  • Studio dell’efficacia dei processi di depurazione nei molluschi bivalvi autoctoni di maggiore interesse commerciale