Impianti sperimentali per la valorizzazione maricolturale delle specie marine mediterranee

Grazie ai propri studi ed a quasi 30 anni di collaborazione con molte università, i tecnici della Scubla Aquaculture possiedono un know-how unico nella progettazione e nella costruzione di impianti per la ricerca.
Molti Istituti di ricerca chiedono impianti polifunzionali che possano essere facilmente adattati per un gran numero di studi di biomonitoraggio, fisiologia, farmacologia, genetica.

Gli impianti per la ricerca realizzati su misura da Scubla Aquaculture sono progettati per soddisfare le specifiche richieste del Committente, e possono essere costruiti per funzionare a ricircolo oppure a circuito aperto, ed anche con trattamenti specifici dei reflui.

L’impianto pilota a circuito chiuso, integralmente progettato ed installato ‘chiavi in mano’ da Scubla Aquaculture presso il CRIAcq, Centro Ricerche Interdipartimentale Acquacoltura dell’Università di Napoli sezione di Salerno, propone modelli produttivi per lo sfruttamento sostenibile ed eco-compatibile delle risorse acquicole campane. E’ stato progettato in tre moduli, ognuno dei quali svolge funzioni specifiche ed ha una propria autonomia strutturale e funzionale.

E’ dotato di tecnologie innovative per il controllo e la differenziazione dei processi riproduttivi di specie ittiche marine, e risulta formato come segue:

N. 1 – Impianto sperimentale per la valorizzazione maricolturale di specie marine mediterranee: Mazzancolla Mediterranea (Penaeus Kerathurus).

N. 1 – Impianto sperimentale per la valorizzazione maricolturale di specie marine mediterranee: Pettine (Pecten jacobaeus), Ostrica (Ostrea edulis).

N. 1 – Impianto sperimentale per la valorizzazione maricolturale di specie marine mediterranee: Sogliola (Solea Solea).